Francesco Piemontesi

Francesco Piemontesi

«Una combinazione di tecnica superlativa e straordinario gusto» ha scritto qualche anno fa la Neue Zürcher Zeitung a proposito del pianista Francesco Piemontesi.

Mai giudizio critico è stato tanto illustrativo e fotografico, visto il debordante talento di questo giovane artista svizzero-italiano che dopo gli studi con Nora Doallo, Arie Vardi, Cécile Ousset e il perfezionamento con tre autorevoli didatti dell’universo pianistico (Alfred Brendel, Murray Perahia e Alexis Weissenberg) è emerso alla ribalta con alcune formidabili affermazioni: in primo luogo la vittoria nel 2007 al Concorso Reine Elisabeth di Bruxelles e ai BBC Music Awards di Londra. D’altra parte non si contano i suoi successi in tutto il mondo (dagli Stati Uniti all’Asia) senza dimenticare la partecipazione a importanti iniziative europee: il Progetto Martha Argerich, il Festival La Roque d’Anthéron, il Klavier-Festival Ruhr, lo Schleswig Holstein Musik Festival, il City of London Festival, il Lucerne Piano Festival e i BBC Proms, per non citare che i principali. Nè le grandi compagini dalle quali è stato accompagnato: London Philharmonic, Philharmonia Orchestra, Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks, Deutsches Sinfonie-Orchester, Rundfunk-Sinfonieorchester Berlin, City of Birmingham Symphony, Orchestra della Radio di Francoforte, Sinfonia Varsovia. Senza dimenticare i direttori di forte appeal che l’hanno accompagnato da Mehta a Norrington, Janowski e Oramo. Attuale direttore artistico delle Settimane Musicali di Ascona, Piemontesi svolge una densa attività cameristica accanto a musicisti come Bashmet, Banse, Renaud e Gautier Capuçon, Giuranna, Kirchschlager, Pahud e Schiff. Piemontesi ha inciso diversi dischi, di cui tre per Naïve Classique, l’ultimo dei quali  dedicato ai Préludes di Debussy (2015).

..

Settimane Musicali di Ascona

c/o Organizzazione turistica Lago Maggiore e Valli